Cerca su Griselda
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso

Ultimi temi

Anno 2016
Tema n.16

Popolo

Call for papers

Il concetto di popolo è in apparenza evidente, inequivocabile, determinante eppure è al tempo stesso sfuggente e indefinibile. All'idea di popolo, fin dal romano populus, è associata l'idea dell'insieme di donne e uomini che abitano una comunità, un mondo, una nazione senza distinzioni  e semmai coesi a partire "dal basso", spesso in contrapposizione alle ristrette élites aristocratiche o economiche che tendono a dominare il popolo, a "non confondersi" col popolo o, in senso più dispregiativo, col "popolino" ovvero il popolo più povero e ultimo nella scala sociale.

Il cristianesimo più genuino e francescano guarda al "popolo" in senso evangelico, è il "prossimo" cui sacrificarci, è l'insieme dei "figli di Dio". Col passare dei secoli e col crescere dell'emancipazione politica e sociale, dal Settecento in poi, dai moti rivoluzionari in poi, "popolo" assume definitivamente una connotazione in genere positiva,  fondamento stesso delle democrazie e, utopisticamente, nonostante le continue guerre, si continua a sognare "l'unità dei popoli".

Il marxismo tende ad essere sospettoso verso un uso troppo generico di popolo e preferisce ovviamente una più puntuale distinzione in "classi", in cui il "popolo" sembra assimilarsi al "proletariato", ai salariati sfruttati nella produzione capitalistica. Ma da popolo deriva "populismo", oggi usatissimo e per lo più in senso negativo, il "lato oscuro" del popolo: ovvero i movimenti politici e culturali che, facendo leva sulle pulsioni emotive del popolo, ne aizzano la componente qualunquistica e irrazionale, spesso di marca reazionaria. Eppure "populismo" ha voluto dire, soprattutto in Italia, e specie fra scrittori e intellettuali (il famoso saggio di Asor Rosa) nel Novecento l'opposto: ovvero una simpatia istintiva per ciò che è "popolare" (altro termine derivato da popolo), povero, genuino (il cantore ne fu Pasolini). Allora cos'è davvero "popolo"? cos'è "populismo"? cos'è "popolare"? E per ciò che qui ci riguarda in che modo, quando e in che forme tutto ciò che attiene al Popolo torna in Letteratura? E come si commisura la letteratura di ogni tempo al popolo? Da qui prende il via il nostro prossimo tema monografico cui vi chiediamo di intervenire.

Per sottoporre i vostri saggi sull'argomento a «Griseldaonline», scrivere a:

info@griseldaonline.it



Alma Mater Studiorum
Dipartimento di Filologia Classica E Italianistica Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Cod.Fiscale: 80007013376 P.Iva: 01131710376 - © 2012
CREDITS: MEDIAVISION